Trapianto di Barba

Il Trapianto di barba, proprio come nel Trapianto di capelli, prevede l’estrazione dei follicoli peliferi dall’area posteriore della testa che si chiama “area donatrice”. Gli innesti raccolti sono successivamente impiantati sul viso; possono essere trapiantanti sulle guance, basette, baffi e mascelle.

Il trapianto di barba viene realizzato per coprire le aree vuote nella barba o per dare più densità. E’ il medico a suggerire  la migliore soluzione al paziente dopo aver controllato l’area donatrice e il tipo di pelle.

Durante i primi 3 giorni successivi all’intervento, i pazienti devono consumare cibi liquidi ed evitare eccessive espressioni facciali perché la pelle di queste guance è troppo morbida. Pochi giorni dopo la procedura di lavaggio, i capelli trapiantati saranno più visibili.

Dopo il settimo giorno di operazione, il paziente inizia ad avere un aspetto naturale. A partire dalla terza settimana dopo il trapianto, inizia un periodo temporaneo di perdita di capelli. Questo processo è molto utile per la sopravvivenza degli innesti trapiantati. Al quarto mese e oltre, dagli innesti trapiantati iniziano a crescere i capelli che non cadranno di nuovo. Venti giorni dopo l’operazione, i pazienti possono radersi la barba.

L’operazione viene eseguita in anestesia locale. Proprio come il normale trapianto di capelli, i capelli del paziente dovrebbero essere analizzati, e la pianificazione dovrebbe essere fatta dal medico e dal team prima dell’operazione. Dopo il trapianto non ci saranno cicatrici. Il trapianto della barba deve essere eseguito in tutte le sue fasi da un team di esperti, sotto la supervisione del medico.